27 giugno 2013

Corsa: i sei "No, non Farlo!"

Stai cercando di fare le cose al meglio per trarre il massimo dalla corsa, pianificando gli allenamenti, applicando il ghiaccio nei punti doloranti. Perfetto. Ma nonostante l'approccio "professionale"potresti commettere alcuni errori che potrebbero vanificare i tuoi sforzi migliori. Ecco come evitarli e procedere diritto sulla retta via.




SFILARSI LE SCARPE DA CORSA SENZA SLACCIARLE

Se lo fai giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, mese dopo mese, le torsioni alla caviglia che questo genere di movimento comporta possono portare a danneggiare i legamenti della tua caviglia e i tuoi tendini, mettendoti  rischio di infortunio.

Fai così: slaccia sempre le scarpe! Oppure utilizza delle stringhe ad elevata elasticità o dei blocca lacci, così da sfilarle agevolmente.


TENERE IN MANO LA BOTTIGLIETTA D'ACQUA


Correre a lungo tenendo in mano la bottiglietta dell'acqua potrebbe sbilanciarti, modificando la tua postura in corsa e così crearti più di un problema.

Fai così: Corri indossando una cintura porta-borracce che porta il peso della bottiglia vicino al tuo centro di gravità, rendendo meno probabile un'alterazione della tua azione di corsa.


TROPPO STRETCHING DEI MUSCOLI DELLA COSCIA
Verrebbe da pensare che la cura giusta per la rigidità dei muscoli posteriori della coscia sia praticare con assiduità ed energia gli esercizi di stretching. Eppure potresti correre il rischio di procurarti una lesione muscolo-tendinea.


Fai così: Pratica lo stretching sui muscoli già caldi e non forzare. Tieni inoltre presente che i problemi dei muscoli posteriori della coscia nascono spesso da una rigidità dei flessori dell'anca.



TRALASCIARE IL POTENZIAMENTO

Spesso i runners presentano uno squilibrio per quanto riguarda la forza dei diversi muscoli delle gambe che solo unpotenziamento mirato può correggere.
Del lavoro muscolare è dunque importante per aiutare a stabilizzare i muscoli e prevenire gli infortuni.

Fai così: Rafforza tutto il corpo utilizzando movimenti combinati che fanno lavorare contemporaneamente le parti superiore ed inferiore del corpo.


                                                                       DONARE IL SANGUE PRIMA DI UNA GARA IMPORTANTE

Potrebbero volerci da quattro a otto settimane prima che i valori dei globuli rossi ritornino normali. Potresti non avvertire la differenza nei tuoi allenamenti normali, ma in gara potrebbe rivelarsi arduo cercare di ottenere il tuo nuovo record personale.


Fai così: dopo la donazione, concediti un periodo di otto settimane per recuperare completamente prima di partecipare a una gara importante.




CALZARE SCARPE INADATTE NEL TEMPO LIBERO

Scarpe piatte, che non offrono sostegno al piede, o calzature eccessivamente consumate possono stressare la fascia plantare. Dal canto loro i tacchi possono indurire i muscoli del polpaccio e del tendini d'Achille.

Fai così: Osserva da dietro le scarpe che usi tutti i giorni. Se pendono verso l'interno o l'esterno, oppure se hanno le suole consumate, liberatene. Scegli scarpe comode e con un buon supporto dell'arco plantare. E...meglio evitare tacchi alti.



Rivista "Runners", giugno 2013

Seguimi via mail